La dieta del riso funziona per perdere peso in poche settimane

La dieta del riso funziona e funziona in breve tempo, perché è un regime dietetico che si basa sul consumo, quasi esclusivo, del riso e che sfrutta pienamente tutte le proprietà e le caratteristiche benefiche di questo alimento, un cereale di origine orientale giunto sulle tavole italiane ormai da secoli.

Si tratta di un regime alimentare ipoproteico ed ipocalorico, infatti, la dieta del riso funziona perché vieta il consumo di grassi e zuccheri e riduce drasticamente il consumo di alimenti proteici, caratteristica che la rende altamente disintossicante.

Dieta del riso: cosa mangiare.

La dieta del riso funziona a prescindere dalla tipologia di riso consumata, infatti, è possibile consumare qualsiasi variante di questo cereale: venere, basmati o riso nero, riso rosso o selvaggio. Il riso integrale è sempre preferibile perché non essendo raffinato conserva tutte le sue caratteristiche: è ricco di fibre naturali, un grande aiuto per chi ha bisogno di regolare le funzioni del proprio intestino, e contiene molte altre sostanze utili per il nostro corpo (vitamine E, K e vitamine del gruppo B, potassio, magnesio, fosforo, selenio, rame e zinco).

La dieta del riso prevede anche il consumo di altri alimenti:

  • Frutta e verdura, cotta o cruda, funghi, cereali o pseudo cereali integrali (come miglio, quinoa, segale e grano saraceno) e legumi secchi;
  • alimenti proteici, che vanno consumati con moderazione, come: formaggio magro, pesce magro, crostacei, pollo, ecc;
  • infine, è consentito il consumo di caffè, tè e tisane zuccherati con piccole quantità di miele.

Al contrario, sono vietati i condimenti come gli oli vegetali (salvo l’olio extravergine di oliva), burro, grassi, zuccheri (quindi qualsiasi tipo di dolciume) ed infine, come nella maggior parte dei regimi dietetici, è assolutamente vietato il consumo di alcool.

Dieta del riso: le varianti.

Esistono due varianti della dieta del riso ciascuna delle quali prevede due fasi: la prima disintossicante e la seconda dimagrante. La differenza principale tra le due varianti sta nella durata delle due fasi e nella possibilità di consumare o meno cibi diversi dal riso nella prima fase.

In entrambi i casi, la dieta del riso funziona al meglio quando si seguono entrambe le fasi in modo rigoroso.

La prima variante, di breve durata, consiste in una prima fase, dieta dei 3 giorni, durante i quali è previsto il consumo quasi esclusivo di riso (integrale) e che ha come obiettivo quello di drenare, disintossicare e depurare il corpo. In questa prima fase sono ammessi pochissimi altri alimenti: orzo, miglio, segale e la quinoa (suggerita sia perché è un falso cereale, ipocalorico ed iperproteico, sia perché adatta agli intolleranti al glutine, che già la conoscono bene).

La seconda fase, dieta dei 9 giorni, prevede il consumo di una più vasta gamma di alimenti, che abbiamo già esaminato, ed ha come obiettivo il dimagrimento!

La seconda variante della dieta del riso funziona ugualmente, pur essendo meno drastica, perché si basa sullo stesso meccanismo:

  • una prima fase, di massimo due settimane, che prevede il consumo di riso con poco olio crudo, frutta e verdura (con un apporto calorico di massimo 800 calorie) e durante la quale si ottiene la maggior parte del calo di peso corporeo;
  • una seconda fase, durante la quale si possono consumare gli stessi alimenti che abbiamo visto nella dieta dei 9 giorni (ricotta e altri formaggi magri, pesce e pollo, verdure, frutta fresca o essiccata e altri tipi di cereali o pseudo cereali) e che prevede un apporto calorico di circa di 1200 calorie.

Dieta del riso: quanto si perde.

In entrambe le varianti della dieta del riso è previsto un calo di peso corporeo complessivo di circa 9 kg, a patto che la dieta sia rispettata alla lettera.

La perdita di peso maggiore avverrà nella prima o nella seconda fase del periodo di dieta a seconda che si scelga di intraprendere la variante dei 3 giorni + 9 giorni, nella quale il calo maggiore di verifica sin da subito, o la variante di più settimane, nella quale il calo di peso è sicuramente più lento.

Infine, non si deve dimenticare che in qualsiasi regime dietetico la perdita di peso è influenzata da una serie di fattori: peso di partenza, età, sesso, stile di vita.