DIETA PLANK ORIGINALE: FUNZIONA?

Voglia di perdere peso in poco tempo? È possibile con le diete lampo: diete grazie alle quali è si può arrivare a perdere molti chili in pochissimo tempo.

Che questo tipo di diete non siano salutari è una cosa risaputa. Infatti proprio l’esclusione di determinati alimenti in un modo così repentino e aggressivo può causare sbalzi del metabolismo e di conseguenza problemi di salute ed è per questo motivo che sono consigliate solamente se si ha un buono stato di salute e nessuna problematica grave.

Va detto però che le diete lampo sono così chiamate proprio a causa della loro breve durata: non bisogna prendere iniziative e decidere di continuarla oltre il periodo di tempo stabilito per non intaccare gli organi e per evitare l’insorgere problematiche pericolose.

Tra tutte le diete lampo la cosiddetta dieta Plank è quella di cui si sente parlare sempre più spesso ultimamente.

Grazie a questa dieta infatti si possono perdere addirittura nove chili in sole due settimane.

Dieta Plank esempi

La dieta Plank originale è una dieta iperproteica e ipocalorica. Durante questi quattordici giorni si deve assumere un’elevatissima quantità di proteine di origine animale (pesce e carne) ed evitare assolutamente carboidrati, formaggi, zuccheri, grassi ed anche fibre.

Ogni mattina è prevista una colazione con caffè rigorosamente non zuccherato e del pane. Per quanto riguarda i pasti principali invece va consumata una porzione di proteine (uova, carne bianca, pesce al vapore…) accompagnata da un contorno verdure e/o insalata e della frutta.

Come fare se si segue una dieta vegetariana? In molti si sono chiesti come e se fosse possibile seguire la dieta Plank pur non andando contro i propri principi. La risposta è: sì, è possibile, semplicemente bisogna sostituire tutte le proteine animali con quelle vegetali (soia, seitan, tofu e legumi) ma così facendo si stravolgerebbe totalmente il principio della dieta originale e non ve ne sarebbe più traccia.

Dieta Plank risultati

Se seguita alla lettera, la dieta Plank, porta risultati e la perdita di peso è evidente. Che questo tipo di alimentazione faccia dimagrire non è una scoperta. Ma quello che dobbiamo chiederci è: quanto durerà?

Una perdita così repentina di peso di fatti non è sempre dovuta alla perdita di massa grassa ma invece alla perdita di liquidi. Condurre un’alimentazione così aggressiva per poco tempo e poi ritornare allo stesso stile di vita che si conduceva prima può solamente fare danno e così tutti chili persi verranno presto ripresi e probabilmente anche con qualcuno in più.

Al contrario la dieta Plank originale è ottima come punto di partenza per poi intraprendere un percorso completo e costante.

Dopo le prime due settimane della fase di “attacco” bisognerebbe iniziare a reintegrare tutti i nutrienti di una dieta bilanciata: carboidrati, grassi, e fibre.

Per ottenere dei risultati duraturi nel tempo bisogna associare alla dieta l’attività fisica e migliorare il proprio stile di vita. Una vita sedentaria non aiuta di certo a mettere in moto il proprio metabolismo, anzi. Bere due o più litri di acqua al giorno aiuta ad eliminare tossine e liquidi in eccesso.

Motivazione e costanza sono alla base del cambiamento e prima di iniziare un cammino bisogna essere decisi.

Dieta Plank opinioni

I pareri riscontrati riguardo alla dieta Plank sono contrastanti. In molti si lamentano del fatto che dopo questa dieta i chili persi vengono ripresi velocemente e in tanti accusano senso di debolezza, stanchezza e giramenti di testa durante le due settimane di regime. Tutto questo è dovuto allo squilibrio di questa dieta.

Al contrario c’è anche gente che grazie al successivo mantenimento continua a perdere peso e non riscontra problemi fisici.

Possiamo concludere dicendo che la dieta Plank è senza dubbio una dieta efficace e che porta risultati ma per farla bisogna essere consapevoli dei rischi e degli effetti collaterali che potrebbe avere e soprattutto essere pronti ad affrontare la fase successiva per non riacquistare ciò che si è perso.