Come mangiare più verdure e meno carne in tre settimane

Ridurre l’apporto di proteine animali  nella nostra dieta provoca effetti molto più benefici che ridurre le calorie : riduce i livelli di colesterolo, abbassa la pressione sanguigna così come il rischio di malattie cardiovascolari, diabete e cancro. Gli ortaggi, i legumi e i cereali che andranno gradualmente a sostituire la carne nella vostra dieta vi fungeranno anche da scudo rispetto allo sviluppo di queste malattie croniche. Molti non lo sanno ma i vegetali sono pieni di sostanze nutritive che svolgono un’azione protettiva per l’organismo umano e di antiossidanti che non sono invece presenti negli alimenti di origine animale. Questo articolo non vuole  convertirvi al vegetarianesimo o al veganesimo, ma  fornirvi delle linee guida per imparare a trarre tutti i benefici di un’alimentazione quanto più possibile a base di alimenti di origine vegetale senza però dover rinunciare all’arrosto domenicale.

Durante la prima settimana l’obiettivo principale è quello di ridurre progressivamente le quantità di carne   e di sostituirle con altri alimenti nella giusta proporzione. Basta fare una scorta di almeno tre alimenti che  trovate di vostro gradimento che possano almeno parzialmente  sostituire  la carne come, ad esempio, i funghi, i ceci e i fagioli. Nel maggior numero di pasti in questa settimana sostituite almeno la metà della carne con questi alimenti di origine vegetale. Ad esempio mischiate i ceci con la metà di pollo che normalmente consumereste  durante un pasto, o i fagioli neri con metà della vostra bistecca. In questo modo abituerete l’organismo ad assumere più proteine di origine vegetale. Riducete drasticamente il consumo di insaccati poiché contengono un’elevata quantità di sale, conservanti e grassi.

Nella seconda settimana, invece, dovrete iniziare a consumare pasti completamente privi di alimenti di origine animale .  L’ideale sarebbe farlo per cinque giorni la settimana.In rete troverete migliaia di salutari ricette vegetariane e potreste rimanere stupiti di quanto  possano essere anche gustose. Se le vostre abitudini alimentari contemplano una colazione a base di uova e bacon, sostituitela con una a base di cereali , muesli  e una manciata di semi di chia. Se siete spesso a pranzo fuori apportate delle lievi modifiche alle vostre consuete ordinazioni: invece del panino con hamburger o cotoletta di pollo, provate dei gustosi falafel avvolti in una pita o un sandwich con schiacciatina di quinoa  e , nelle insalate, barattate il pollo o il pesce con delle lenticchie o dei fagioli di soia.

Entro la terza settimana dovreste aver dimezzato la quantità di carne che consumate abitualmente. Bisogna radicare  queste nuove abitudini alimentari al vostro stile di vita una volta e per sempre. Ecco alcuni trucchetti per rendervi questo nuovo obiettivo più semplice. Per prima cosa conviene avere sempre dei piatti esclusivamente vegetariani già pronti per doverli solo riscaldare quando le giornate diventano frenetiche. Ovviamente le ricette preparate in casa  sono sempre preferibili a quelle surgelate, ma se proprio non avete il tempo di cucinare in anticipo, nei reparti surgelati di quasi tutti i supermarket è possibile trovare un’ampia gamma di prodotti pensati proprio per un’alimentazione vegetariana. L’uso delle spezie, che possiedono tra l’altro numerose proprietà benefiche , possono rendere particolarmente saporito un piatto vegetariano: abbondatene pure! Ponetevi  di limitare il consumo della carne esclusivamente nel fine settimana: è un ottimo sistema per assicurarvi di  consumare  cinque pasti  vegetariani alla settimana  e di ricevere maggiore gratificazione dal pasto a base di carne poiché lo avrete associato anche ad un periodo  di minore stress. Infine cercate di provare una nuova ricetta vegetariana alla settimana per far i che il vostro nuovo regime alimentare non vi risulti mai noioso e che cadiate nella tentazione  di tornare alle vecchie, poco sane , abitudini.