ALLERGIA AL NICHEL: SINTOMI E CURA

L’allergia al nichel è una delle forme allergiche più fastidiose con cui convivere, in quanto il nichel è presente in un grande numero di alimenti e di materiali di uso comune.  L’allergia è una reazione improvvisa del sangue in risposta a determinate sostanze dette “allergeni”; l’organismo le riconosce come sostanze irritanti e nocive. L’allergia si scatena a causa della presenza nel sangue di alcuni anticorpi chiamati Ige; questi anticorpi quando entrano a contatto con questi allergeni, scatenano una reazione allergica acuta ed immediata. I sintomi dell’allergia sono generalmente di tipo cutaneo e organico.

ALLERGIA NICHEL: SINTOMI FREQUENTI

L’allergia al nichel è una delle cause più comuni della dermatite allergica da contatto, un tipo di patologia che provoca irritazione e lesione della cute accompagnata generalmente dall’insorgere di eczemi. L’allergia si scatena tendenzialmente a livello cutaneo con queste bolle pruriginose e gonfie sulla superficie della pelle; queste bolle una volta sottoposte a sfregamento possono rompersi e creare fastidiose croste ed eventuali cicatrici. Se tale allergia non viene diagnosticata per tempo, il contatto prolungato, potrebbe comportare un ispessimento della pelle e conseguente desquamazione.

La dermatite da contatto, come ho affermato in precedenza, è uno dei sintomi principali e più frequenti da allergia al nichel; una volta che la cute entra in contatto con un prodotto a base di nichel, quella stessa zona manifesta una reazione“allergica”, procurando notevole fastidio ed eczemi antiestetici; proprio per questo motivo la dermatite viene definita “da contatto”. L’eventuale contatto prolungato della cute a tale allergene potrebbe, tuttavia, procurare conseguenze negative e dolorose; ad ogni modo vi è statisticamente un’incidenza di tale allergia al 10% nella popolazione.

ALLERGIA AL NICHEL :ALIMENTI E OGGETTI DA EVITARE

Il nichel è un metallo pesante, tipicamente contenuto in diversi prodotti e oggetti, tuttavia lo si può ritrovare anche in alcuni alimenti. Per quanto riguarda i primi, ci riferiamo generalmente a collane, orecchini, cinturini, anelli, bottoni dei jeans, cerniere lampo; il nichel è un metallo davvero diffuso anche nei gioielli d’oro e in svariate leghe come chiavi e monete. Per quanto riguardano, invece, gli alimenti, il nichel è presente, in percentuali variabili, in molti di questi; la presenza di tale metallo negli alimenti è data dagli antiparassitari e delle attrezzature che vengono impiegate durante la filiera produttiva. Comunemente è facile ritrovare il nichel in diversi ortaggi, legumi, prodotti ittici inclusi molluschi e crostacei, nella frutta fresca e secca, negli aromi e nei condimenti, nei cereali e nei farinacei.

ALLERGIA NICHEL: CURA

L’allergia a questo metallo, essendo una reazione del sistema immunitario, non è curabile; tuttavia viene generalmente consigliato uno stile di vita: evitare la contaminazione del nichel, avendo riguardo di tutti i prodotti o utensili a base di nichel; la prevenzione è la migliore arma. Tra gli alimenti normalmente esclusi sono: il cioccolato, i funghi, le ostriche, il tè, gli spinaci e la frutta secca.

Per diagnosticare tale allergia è possibile ricorrere al “patch test”.