7 trucchetti da seguire per risparmiare quando si è a dieta

Fare la dieta richiede forte determinazione,  costanza, spirito di sacrificio e ,molto spesso, un portafoglio bello gonfio.  I nutrizionisti tendono a inserire nei piani alimentari cibi sicuramente più sani a dalle proprietà brucia-grassi, ma molto spesso non tengono conto dell’incidenza dei costi che questi prodotti possono avere sul budget familiare dei loro pazienti. Questo può scoraggiare anche i più determinati che magari sono disposti a seguire scrupolosamente il nuovo regime alimentare, ma hanno difficoltà a gestire il loro budget per la spesa al supermercato. Ecco allora 7 piccoli ma significativi accorgimenti da seguire per risparmiare il più possibile  mentre si segue la dieta.

  1. Pianificate in anticipo la spesa

Fare la spesa all’ultimo minuto spesso conduce all’acquisto di prodotti inutili, o che magari già avevamo in dispensa e non avevamo l’imminente necessità di comprare, e, di conseguenza, ad un conto più salato. Prendersi invece del tempo per organizzare i pasti, controllare i volantini delle offerte speciali, controllare cosa effettivamente manca in casa e, in fine, fare una dettagliata lista della spesa prima di recarvi al supermercato vi renderà più organizzati e vi aiuterà a risparmiare. Mi raccomando, mettete la lista della spesa ben in evidenza in modo che non possiate dimenticarla e poi attenetevi scrupolosamente ad essa.

  1. Comprate cibo vero

Per cibo vero intendiamo  alimenti al loro stato naturale ( ad esempio dei profumati limoni da spremere a casa all’occorrenza, anziché il succo di limone confezionato in bottiglia  e ricco di conservanti) oppure cibi quanto meno possibile raffinati e contenenti il minor numero di additivi. Sarebbe bene acquistare i prodotti alimentari che contengano al massimo cinque ingredienti; di meno sì, di più no. Anche essere in grado di pronunciare e identificare i cinque ingredienti può aiutarvi nel fare una spesa più oculata e senza dubbio più salutare. Gli alimenti meno raffinati sono spesso più economici rispetto alle loro controparti che hanno subito un numero maggiore di fasi di lavorazione e, generalmente, contengono più fattori nutrienti mentre sono più poveri di calorie, sodio, zuccheri aggiunti e grassi.

  1. Comprate prodotti di stagione

Consumare prodotti freschi e di stagione è sicuramente un’abitudine sana e consigliata dai nutrizionisti; bisognerebbe essere informati circa quali siano i prodotti di stagione e costruire i propri  menù attorno ad essi. Riuscirete così anche a risparmiare poiché quando un prodotto è di stagione si riesce a trovarlo in quantità superiori rispetto al resto dell’anno e ciò ne fa automaticamente diminuire il prezzo.

  1. Optate per le verdure surgelate

I prodotti surgelati possono essere conservati più a lungo e sono una manna dal cielo per la preparazione di piatti veloci; inoltre presentano lo stesso apporto di  sostanze nutrienti dei prodotti freschi perché vengono raccolti e congelati quando le scorte sono abbondanti. Fare una bella scorta delle vostre verdure surgelate preferite quando sono in saldo vi aiuterà a risparmiare e a consumare maggiori quantità di verdura quotidianamente. Un altro trucco, un pochino più laborioso, è quello di acquistare grandi quantità di verdura fresca e di stagione e poi congelarla, magari già tagliata, per utilizzarla quando il costo aumenterà.

  1. Evitate i reparti “tentatori” dei supermercati

I supermercati sono normalmente suddivisi in reparti a seconda della tipologia di  prodotto; tutto questo in teoria per aiutarci ad orientarci meglio e non perdere inutilmente tempo nella ricerca di ciò che stiamo cercando. È vero, ma molti non sanno che i reparti centrali –  attraverso i quali si deve quasi obbligatoriamente passare per raggiungere le casse –  sono quelli in cui si trovano i prodotti maggiormente raffinati che, come abbiamo già detto, sono normalmente quelli meno sani e più costosi. Non cadete dunque nella trappola di addentrarvi in questi reparti: farete un favore alla vostra salute e al vostro portafogli.

  1. Mangiate vegetariano almeno due volte alla settimana

La carne, il pesce e il pollame  sono spesso e volentieri presenti sulle nostre tavole; sono eccellenti fonti di proteine , ma sono anche costosi. Considerate quindi la possibilità di sostituirli con i legumi, le uova e la soia- tutti cibi ad alto valore proteico ma ben più economici- in almeno due pasti settimanali.

 

  1. Non lasciatevi fuorviare

Spesso sule confezioni  dei prodotti troviamo etichette quali “SENZA GRASSI “ o “POVERO DI SODIO” o , ancora “RICCO DI FIBRE”; in questo caso , se abbiamo la pazienza di soffermarci ad esaminare la lista degli ingredienti sul retro della confezione possiamo renderci conto della veridicità di tali etichette. Generalmente sono affidabili, poiché fanno riferimento alle sostanze nutritive presenti nel prodotto. Dobbiamo invece diffidare di scritte come “NATURALE”; “MIGLIORA LA MEMORIA” o “ SUPPORTA IL SISTEMA IMMUNITARIO” poiché non hanno alcuna fondamento scientifico e fungono solo da specchietto per le allodole. Non lasciatevi ingannare dal marketing: se suona troppo bello per essere vero ma non è poi supportato dalla tabella dei valori nutrizionali risparmiate i vostri soldi.